Comune di Montecalvo in Foglia
Provincia di Pesaro e Urbino

Montecalvo e dintorni

"I primi contrafforti del Montefeltro si incontrano verso il Foglia: sono le colline di Montecalvo gialle di grano, gonfiate da un'aria strana, come se qualcosa si consumasse geologicamente. Sotto quest'aria che taglia, che incalza e che lavora il paesaggio come in una pittura di Piero della Francesca o di Giovanni Santi, la valle andando verso Macerata, si restringe e avanzano I sipari delle tante montagne feltresche. Le strade sono deserte e ancora con il sentore della vecchia polvere accecante sulle siepi. Si incontrano soltanto I cantonieri che zappettano I rivi sulle cunette, che scelgono I sassi in fondo ai dirupi. Il letto del fiume di rena e argilla occupa tutta la valle, sotto colline slavate che sembrano franare senza alcun sostegno. Il paesaggio è basso, corto, escluso dalla visione dei monti dell'Appennino.” da Misterioso scenario per una rappresentazione finita di Paolo Volponi


Montecalvo in Foglia, situato nel cuore dell'area compresa fra Urbino, Pesaro, Gradara e San Leo, appartiene geograficamente al Montefeltro.
In posizione panoramica tra gli Appennini e la costa Adriatica su una via che collega la costa e la città di Urbino con il Montefeltro: Montecalvo appare appolaiato su una vetta che domina la vallata circostante e per raggiungerlo la via si inerpica sul filo del crinale.
Sul lato destro, salendo, è visibile una caratteristica peculiare: sono gli enormi calanchi che hanno eroso vasti tratti collinari costituendo un "monumento naturale" per la tetraggine del paesaggio.
Montecalvo in Foglia risale con tutta probabilità al X secolo.
Pare certo che l'etimologia del nome derivi dal fatto che tale luogo essendo il terreno per lo più argilloso e quindi soggetto ad avvallamenti e frane fosse estremamente spoglio di vegetazione da cui deriva il nome di Montecalvo, cioè spoglio.
Sulla sommità del colle, in psizione strategica, sorgeva una fortificazione a difesa del piccolo borgorurale. Il primo documento certo della esistenza di Montecalvo in Foglia, quale agglomerato sorto attorno al fortilizio con pieve, è costituito dal ritrovamento di una campana datata 1200 con la seguente scritta: Magister manfoino me Fecit.
Nel 1224 per riconoscimento di Papa Onorio III, Montecalvo dipendeva dal Vescovo di Fossombrone che lo cedette al nipote Raniero di Taddeo di Pesaro.
In tale epoca esisteva un fortilizio che poi andò distrutto.
Nel 1406 Papa Innocenzo III lo assegnò come feudo al Conte di Rocca Contrada per il censo di 1300 ducati: somma che il Conte non pagò lasciando che il feudo gli venisse tolto.
Continuamente conteso fra i Duchi Malatesta e i Duchi di Urbino, nel 1460, anno che segna la definitiva sconfitta malatestiana, passè definitivamente sotto i Duchi di Urbino e ne seguì le sorti sino alla devoluzione del Ducato alla Chiesa.

Altre risorse:

Link al portale provinciale www.turismo.pesarourbino.it dove è possibile ricevere tramite posta e in maniera gratuita fino a quattro brochures illustrative e informative del territorio. In alternativa è possibile scaricare on line alcuni dei cataloghi illustrati all'interno della pagina.


Link alle pubblicazioni curate della Comunità Montana dell'Alto e Medio Metauro dove è possibile prendere visione dei volumi , per la maggior parte, pubblicazioni gratuite disponibili presso la Comunità Montana.


Link al portale provinciale www.turismo.pesarourbino.it dove è possibile prendere spunto per una domenica diversa, scegliendo tra gli 11 itinerari cicloturistici alla scoperta di questa nostra provincia d'Italia così ricca di storia, di bellezze naturali e di beni monumentali. La guida sarà un utile strumento per tutti gli appassionati della bicicletta, turisti e residenti, alla ricerca di ciò che di conosciuto e inedito riserva questo territorio.

© 2005-2017 Comune di Montecalvo in Foglia - Gestito con docweb - [id]